Targa "Kaiser Franz Josef I. Hilfstollen" - Log pod Mangartom

Codici
NCT - Codice
001287
ESC - Ente Schedatore
Gruppo Storico Friuli Collinare - Museo della Grande Guerra di Ragogna
OG - Oggetto
OGTT - Tipo oggetto
Targa
OGTE - Epoca origine
Prebellica
LC - Localizzazione
PVCS - Stato
Slovenia
PVCR - Regione
Goriška
PVCC - Comune
Bovec
PVCL - Località
Log pod Mangartom
PVCE - Altra Denominazione
Bretto / Unterbreth
LS - Localizzazione storica
LTSS - Settore
Alto Isonzo
LTST - Toponimo storico
Unterbreth
AU - Autore
ESBS - Stato belligerante
Impero Austro-Ungarico (Österreichisch-Ungarische Monarchie / Osztrák-Magyar Monarchia)
ESBV - Civili
Minatori austroungarici
RE - Notizie storiche
RENN - Notizia storica
Fin dall'inizio del conflitto l'artiglieria italiana batteva il Passo del Predil ostacolando il passaggio sull'unica strada che in quel momento riforniva la conca di Plezzo (allora Flitch, in lingua tedesca, e ora Bovec, in lingua slovena). Per consentire un flusso continuo di uomini e materiali fu quindi necessario riconvertire il tunnel di scolo delle acque della miniera di Raibl (l'attuale Cave del Predil, in territorio italiano), inaugurato nel 1905 e dedicato all'Imperatore Francesco Giuseppe, per trasformarlo in una galleria ferroviaria elettrificata ad uso militare: la cosiddetta Raibler Stollenbahn, alimentata dalla centrale della vicina val Možnica e dagli impianti di Arnoldstein in Carinzia.
Fino alla realizzazione del collegamento stradale con il passo del Vršič in val Trenta, la ferrovia sotterranea rappresentò la sola via di comunicazione sicura con le retrovie austro-ungariche della conca di Plezzo. Una volta in esercizio le sue locomotive, percorrendo i quasi 5 km del percorso in 22 minuti, garantivano una capacità giornaliera di trasporto in andata pari a 600 uomini e 179 tonnellate di materiali mentre in senso contrario sgomberavano soprattutto i malati e i feriti ricoverati nel vicino ospedale militare. Si calcola che durante il conflitto vi transitarono oltre 400.000 uomini e 240.000 tonnellate di approvvigionamenti.

A poca distanza dall'ingresso della galleria è collocata una piccola edicola dedicata a Santa Barbara, protettrice dei minatori.
RENF - Fonte
LA GRANDE GUERRA SULLE ALPI GIULIE, Società Alpina delle Giulie, Trieste 1968.
Mantini Marco, DA TOLMINO A CAPORETTO LUNGO I PERCORSI DELLA GRANDE GUERRA TRA ITALIA E SLOVENIA, Gaspari Editore, Udine 2011.
REVI - Data
1905/00/00
LI - Iscrizione lapidi
LSIL - Lingua
Tedesco - Latino
LSIT - Categoria
Informativa / Di servizio
LSII - Trascrizione testo graffito
Fregio dei Minatori
KAISER FRANZ JOSEF I. HILFSTOLLEN

S. BARBARA
ORA PRO NOBIS
LSIO - Trascrizione testo originale
Fregio dei Minatori
KAISER FRANZ JOSEF I. HILFSTOLLEN
LSIC - Tecnica di costruzione
Lettere in metallo in rilievo
LSIM - Materiali utilizzati
Cemento e metallo
LSTI - Traduzione in italiano o interpretazione
Minatori
Galleria ausiliaria "Imperatore Francesco Giuseppe I"

Santa Barbara prega per noi
(S. Barbara ora pro nobis)
CO - Stato di conservazione
STCC - Stato di conservazione
Assoggettato restauro/ricostruzione
DO - Fonti e documenti di riferimento
BIB - Bibliografia che menziona il graffito
Mantini Marco, DA TOLMINO A CAPORETTO LUNGO I PERCORSI DELLA GRANDE GUERRA TRA ITALIA E SLOVENIA, Gaspari Editore, Udine 2011.
CM - Compilazione e aggiornamenti
CMPR - Ruolo intervento CMPN - Nome CMPD - Data
Rilevamento
Diego Cassia, Sergio Cassia
09/03/2019
Foto di
Sergio Cassia
09/03/2019
Foto di
Sergio Cassia
10/07/2021
Inserimento
Sergio Cassia
02/03/2022
AN - Annotazioni
 
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Mappa
Gallery