Escursione storico-naturalistica Monte Sflincis

Evento

SABATO 24 MARZO 2018
ESCURSIONE STORICO-NATURALISTICA SUI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA:

"M. SFLINCIS - IL CAPOSALDO ALLO SBOCCO DELLA VAL RESIA"

RITROVO: ore 9:00, a Ponte di Moggio Udinese (UD), presso il posteggio situato all'incrocio fra la rotabile che sale allo Sflincis e la Strada Statale "Pontebbana". Gps: Lat. 46,39893 - Long. 13,18733

Escursione priva di difficoltà, necessita un allenamento medio, abbigliamento e calzature da trekking, lampada portatile, pranzo al sacco, adeguato quantitativo di acqua; durata ore 6 circa (soste incluse - possibili variazioni dovute alla variabile lunghezza delle soste illustrative), dislivello 500 m circa.
QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER PERSONA: due quote per gli abbonati; euro 15 per non abbonati; gratis per gli under 18 accompagnati.
ISCRIZIONE ALLA PARTENZA.
ESPERTO SITI GRANDE GUERRA FVG: dr. Marco Pascoli
GUIDA NATURALISTICA FVG: prof. Nicola Carbone. 
Info:  cel. 347 30 597 19 - mail:  info@grandeguerra-ragogna.it   
OGNI PARTECIPANTE SVOLGE L'ESCURSIONE SOTTO PROPRIA ESCLUSIVA RESPONSABILITA'

L'altura dello Sflincis-Stivane, suddivisa in due sommità che non toccano gli 800 metri s.l.m., sovrasta a un tempo Resiutta, lo sbocco della Val Resia e la confluenza Vall'Aupa-Val Fella. L'analisi della sua posizione geografica indusse il Regio Esercito Italiano a fortificarla sin dall'anteguerra, nell'ambito della Piazzaforte Alto Tagliamento.
Dal 24 maggio 1915 alla fine dell'ottobre 1917 (battaglia di Caporetto), lo Sflincis rimase armato e presidiato, nonché dotato di piazzole antiaeree attive fino all'estate 1917. Vi era prevista la costruzione di due imponenti caverne-cannoniere, mai edificate. L'appostamento dello Sflincis fu una delle sole 3 (su 37) opere permanenti prebelliche italiane del Friuli che intervennero attivamente negli scontri della ritirata di Caporetto, offrendo (nel caso dello Sflincis) supporto d'artiglieria alle retroguardie operanti in Val Resia.
L'escursione permette di visitare le vestigia delle piazzole, dei trinceramenti, delle riservette e di altre varie strutture militari precedenti e coeve al conflitto (inclusa un'interessante epigrafe) che il territorio conserva, inoltrandosi in alcune delle meno conosciute vicende della Grande Guerra. Rientreremo al posteggio lungo un tratto dell'antica ferrovia Pontebbana attraversando Resiutta, dove potremo visitare le sepolture belliche tedesche e varie strutture Italiane risalenti ai primi anni del conflitto.

Ponte di Moggio
9:00 a.m.