Epigrafe "Kaiserschützenpioniere" - Logje (Breginj)

Codici
NCT - Codice
000210
ESC - Ente Schedatore
Gruppo Storico Friuli Collinare - Museo della Grande Guerra di Ragogna
OG - Oggetto
OGTT - Tipo oggetto
Iscrizione
LC _ Localizzazione
PVCS - Stato
Slovenia
PVCR - Regione
Goriška
PVCP - Provincia
Primorska
PVCC - Comune
Kobarid
PVCL - Località
Logje
LS - Localizzazione storica
LTST - Toponimo storico
Longo
AU - Autore
ESBE - Esercito stato belligerante
Imperiale e Regio Esercito austro-ungarico (Kaiserliche und Königliche Armee)
ESBN - Esercito nazionale
Imperial - Regio Esercito Nazionale Austriaco (K.K. Landwehr)
ESBA - Arma
Fanteria (K.K. Infanterie)
ESBS - Specialità
Fanteria dell'Imperial-Regio Esercito Nazionale Austriaco (K.K. Infanterie)
ESBR - Reggimento
4° Reggimento di Fanteria da montagna della Difesa Territoriale (K.K. Landwehr Gebirgsinfanterie Regiment n.4 "Klagenfurt")
ESBB - Battaglione - Gruppo
I Battaglione - II Battaglione (I Bataillon - II Bataillon)
ESBP - Reparto - Sezione - Plotone
Reparto Pionieri (Pionier Abteilung)
RE - Notizie storiche
RENN - Notizia storica
Iscrizione effettuata dal reparto autore della costruzione di questa strada, che metteva in collegamento Breginj (Bergogna) con le Bocche di Sant'Antonio e dunque la pianura friulana. Si tratta di una delle numerose opere infrastrutturali costruite dall'esercito austro-ungarico nel Primo Anteguerra al fine di rendere facilmente raggiungibili (per eventuali operazioni militari) i valichi di frontiera con l'Italia. Interessante la dizione "Kaiserschützen Pioniere", che rimanderebbe di primo acchito ai reparti pionieri dei celebri "Tiratori dell'Imperatore" Tirolesi. In realtà la denominazione "Kaiserschützen" divenne ufficiale solo nel 1917, limitatamente ai tre Reggimenti di Landeschützen tirolesi. Ora, quest'epigrafe risale al 1907 (come testimonia il vicino graffito, tracciato da due Pionieri del medesimo reparto, catalogato cod. 000208) e menziona i pionieri del I e del II Battaglione di un 4° Reggimento che il graffito indicherebbe come "Kaiserschützen". Ma i Reggimenti "Kaiserschützen" (ufficialmente così denominati, come abbiamo detto, solo dal 1917 in poi) furono solo tre (nel 1907 erano due) ed erano inquadrati nella Difesa Territoriale tirolese. Si trattava di unità in tempo di pace non competenti per lavori ed operazioni di fortificazione permanente sul confine isontino. Pertanto, è da ritenersi che i "Kaiserschützen Pioniere" dell'iscrizione fossero Pionieri aggregati al I e al II Battaglione del 4° Reggimento di Fanteria da Montagna "Klagenfurt" della Landwehr, unità peraltro competente alla difesa territoriale dei confini montani della Carinzia e della Carniola e che nella Grande Guerra verrà ribattezzata come Gebirgschützen Regiment n.1. Si noti che era prassi ufficiosa di diversi reparti, in particolare da montagna, della Landwehr di auto-denominarsi come "Kaiserschützen", espressione che ben manifestava la propria fedeltà all'Imperatore asburgico.
RENF - Fonte
Acerbi Enrico, LE TRUPPE DA MONTAGNA DELL'ESERCITO AUSTRO-UNGARICO, Gino Rossato Editore, Valdagno 1991
REVI - Data
1907/00/00
REVX - Validità
ca.
LI - Iscrizione lapidi
LSIL - Lingua
Tedesco
LSII - Trascrizione testo graffito
ERBAUT
KAISERSCHÜTZENPIONIERE
I II / 4
LSIC - Tecnica di costruzione
Incisione in cavo
LSIM - Materiali utilizzati
Pietra
LSTI - Traduzione in italiano o interpretazione
COSTRUITA DAI
PIONIERI DEL PRIMO E DEL SECONDO BATTAGLIONE
DEL 4° REGGIMENTO TIRATORI IMPERIALI
CO - Stato di conservazione
STCC - Stato di conservazione
Integro
DO - Fonti e documenti di riferimento
CM - Compilazione e aggiornamenti
CMPR - Ruolo intervento CMPN - Nome CMPD - Data
Foto di
Marco Pascoli
22/12/2009
Rilevamento
Marco Pascoli, Andrea Vazzaz
22/12/2009
Segnalazione
Andrea Vazzaz
22/12/2009
Inserimento
Marco Pascoli
06/04/2013
AN - Annotazioni
 
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Mappa
Gallery